Dame con furetto

Leonardo, Dama con ermellino, olio su tavola, 1490 ca. – Cracovia, Museo Nazionale di Cracovia.

Tutti conosciamo lo splendido dipinto a olio su tavola di Leonardo da Vinci detto “Dama con Ermellino”, eseguito intorno al 1490 e oggi custodito al Museo Nazionale di Cracovia: il ritratto della sedicenne Cecilia Gallerani, favorita del duca di Milano Ludovico il Moro, con in braccio la bestiola, nei bestiari medievali simbolo di purezza e di equilibrio.
Solo che l’ermellino, in realtà… non è un ermellino.
A dircelo è Laura Richiardi, vice presidente del gruppo di Ciriè (Torino) “I Credendari del Cerro”, specializzato nella ricostruzione della realtà del Piemonte a cavallo fra Tre e Quattrocento.
«Si tratta di un furetto maschio albino. È chiaramente visibile nella morfologia dell’animale, e nel colore del pelo bianco sporco, il cosiddetto “bianco Isabella” che denuncia il carattere albino, quello più ricercato negli incroci fin dal Medioevo; in più, un ermellino è difficilmente addomesticabile, mentre il furetto, già a quel tempo era un animale domestico, tenuto sia come animale da caccia (appositamente affamato e usato per far uscire allo scoperto le prede da tana come i conigli selvatici) sia come animale da compagnia.»

Per cortesia dell’associazione Credendari del Cerro.

Questo, Laura lo può dire a ragion veduta, avendo posseduto in tutto quattro furetti, maschi e femmine. Particolare ricordo di sé ha lasciato un maschio, Mirtillo, per ben cinque anni, dal 2010 al 2015, parte sia della sua famiglia, sia, a tutti gli effetti, del gruppo.
«Si può dire che noi abbiamo anticipato la moda dei furetti nei gruppi di rievocazione,» scherza Laura, «anche se, a dire il vero, la nostra intenzione non era questo. Comprammo Mirtillo prima di tutto per noi, venendo già da un’esperienza con un altro furetto, Snilla, e poi ci venne quasi naturale portarlo anche nel gruppo, come uno di noi. Ci documentammo sulla presenza e sull’uso dei furetti tra il XIV e il XV secolo, anche con testimonianze iconografiche come il Salterio della Regina Maria custodito alla British Library di Londra (eseguito in realtà forse per Isabella di Francia, moglie di Edoardo II d’Inghilterra agli inizi del Trecento), e creammo la figura del cacciatore con il furetto. Per la caccia in genere venivano loro messi la museruola e il guinzaglio, così da non danneggiare la pelle del coniglio, preziosa da conciare: doveva solo spingerlo verso l’uscita, dov’era stata precedentemente sistemata una rete così da farlo cadere in trappola.»

Caccia con furetto – miniatura dal Salterio della Regina Maria, Francia-Inghilterra, primo quarto XIV sec. – Londra, BL.

In realtà, però, Mirtillo non aveva decisamente lo spirito del cacciatore: «Era un pacioccone e amava le coccole: quando era in rievocazione era tranquillo e curioso, stava sempre nella sua gabbietta dove dormiva o giocava con i bambini. In casa invece era un uragano, non c’era verso di tenerlo fermo. Era molto affiatato, sia con la famiglia sia con il gruppo; la sua morte per un tumore al pancreas ha lasciato un vuoto enorme.»
Ma quali sono le esigenze di un animale così particolare in un contesto come quello della rievocazione?
«I furetti sono animali molto domestici, ma non vanno posti sotto stress,» avverte Laura. «Bisogna ponderare bene il contesto in cui lo si porta, tenendo presente che una situazione di rievocazione di tipo cittadino, in cui c’è molto rumore e molta confusione, non va bene per un furetto. Un accampamento va decisamente meglio, ma va anche bene anche l’animazione di un castello, l’importante è che sia tenuto in un ambiente relativamente tranquillo.»
Insomma, va bene la “dama con furetto”, ma… maneggiare con cura.

Articolo pubblicato su – Rievocare.

Annunci

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e con il giornale on-line "Citizen Salerno" e ora collaboro con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e come rievocatrice indipendente promuovo la Scuola Medica Salernitana, gloria della mia città.
Questa voce è stata pubblicata in Living History. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Dame con furetto

  1. jimmiepdx ha detto:

    Tipo di informazione che fa piacere sapere. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...