Rime per scacciare le streghe

di Lorenzo Tomasin

Le formule magiche di epoca medievale segnalano anche la linea di frontiera tra scritto e parlato.

Significato dei sogni – miniatura dal “Liber Astrologiae” – I quarto XIII sec.

Una formula usata ancora oggi popolarmente nell’Italia meridionale – tra il serio e il faceto, forse – per scongiurare il mal di denti recita: «Mulu ca non faci figli, félicu ca nun caccia sumènta, io créru ca nge Ddiu Onniputente, famme passà stu male r’riente» (‘Mulo che non fa figli, felce che non emette semi, io credo che esiste Dio Onnipotente, fammi passare questo mal di denti’). Forma e contenuto di questo scongiuro sono quasi identici a quello che si legge in un testo che si legge in un manuale di veterinaria scritto in Toscana ai primi del Trecento: «In nome del Padre et del Filio et Spirito Sancto, amen. Secondo ke la felce no fiorisce et secondo ke lo mare non à conducitore et secondo ke lo pescie non à remi et secondo ke la mula non à fructo, et così possa scampare di questo dolore». E un incantesimo sostanzialmente identico si trova già nel trattato De medicamentis scritto tra il IV e il V secolo dall’alto funzionario imperiale Marcellus detto empiricus (medico): un testo in cui alle ricette mediche si mescolano i rimedi verbali, fondati sulla convinzione che la guarigione delle malattie si possa raggiungere sia con le erbe, sia con un carmen, cioè con l’aiuto di parole oscure e di formule capaci di agire sulla realtà modificandola, secondo uno dei principi ispiratori della magia in generale.

Continua a leggere
Pubblicato in Vita quotidiana & Curiosità | Lascia un commento

Note del Medioevo meridionale: in viaggio con Guido Pagliano.

È uno dei fondatori dell’ensemble di musica antica Antica Consonanza, diplomato al conservatorio in flauto, insegnante di musica di lungo corso, ispiratore con la sua viella dell’ensemble Le Trotulae. Non avrei potuto trovare guida migliore del maestro Guido Pagliano, insomma, per addentrarmi alla scoperta di un argomento poco conosciuto: il Medioevo musicale del Sud Italia.

Continua a leggere
Pubblicato in Musica | 1 commento

Un monastero “termale”: San Nicola della Palma.

S. Nicola della Palma.

Inerpicandosi nel rione Canalone, a Via Salvatore de Renzi, ci si imbatte in un grande complesso da cui si gode un panorama mozzafiato, conosciuto al livello comune come l’ “ex orfanotrofio”, ossia quello che fin dai primi dell’Ottocento era il Reale Ospizio di S.Ferdinando, e, dopo l’Unità d’Italia, l’Orfanotrofio Maschile Umberto I; durante la seconda guerra mondiale, e in particolare durante gli scontri in seguito allo sbarco alleato nel 1943, fu perfino usato come ospedale da campo.
In realtà si tratta dell’antico monastero benedettino di San Nicola della Palma, le cui origini datano all’XI secolo.

Continua a leggere
Pubblicato in Itinerari | 2 commenti

Le “Mulieres Salernitanae” debuttano in società

Una delle pagine che ricordo meglio di uno dei classici della mia infanzia, Piccole Donne, è quella in cui Meg, la maggiore, viene invitata al ballo per il debutto in società di una sua amica: e io, nella mia fantasia di bambina, mi figuravo lampadari di cristallo sfavillanti di candele, abiti di seta lunghi e fruscianti stile “Via Col Vento”, note di waltzer di Strauss.
Forse avrei voluto per le mie “Mulieres Salernitanae” un debutto di questo tipo in versione medievale, ma non credo proprio che si siano lamentate dell’accoglienza che hanno ricevuto durante la loro prima presentazione in presenza, l’8 settembre scorso al Convitto Nazionale Torquato Tasso di Salerno, dopo quasi un anno dalla pubblicazione e diverse presentazioni on-line causa COVID-19.

Continua a leggere
Pubblicato in Messaggi personali racconti & poesie | 5 commenti

Il suono di Trotula

L’Ensemble Hartmann al Bar Verdi

Si apre con un omaggio all’Afghanistan il concerto dell’ensemble Hartmann al bar Verdi di Salerno: gli accordi del robab, il liuto afghano così raro da trovare perché già da tempo i musicisti sono costretti a nasconderlo sotto terra, e ancor più oggi che i talebani (rinnegando le loro stesse radici) hanno proibito la musica, accompagnati dal tamburo e dalla dilruba indiana, gridano tutta la bellezza di una terra che ancora oggi non riesce a trovare pace.
E il pensiero corre subito alle donne afghane, ora di nuovo ridotte al silenzio da un regime di estremisti che usa il nome di Dio come un’ideologia; ma anche alle nostre donne italiane, delle quali, ogni tre giorni in media, una muore, di solito per mano dell’uomo che diceva di amarla.

Continua a leggere
Pubblicato in Musica | Lascia un commento

Le “Mulieres” premiate!!

Non ci volevo credere quando è arrivato quel messaggio sul cellulare, e vi assicuro che ho verificato più e più volte prima di convincermi che fosse vero.

Ma, a quanto pare, ce l’abbiamo fatta: “Mulieres Salernitanae” è stato insignito del Premio speciale della giuria del Premio Italia Medievale!

E il merito non è solo delle Mulieres che ho cercato di raccontare: è anche il vostro, che dopo tanti secoli, avete ancora creduto in loro.

Un passettino in più, sempre in avanti, perché la grandezza di queste donne sia conosciuta e riconosciuta.

Grazie a tutti!

Pubblicato in Messaggi personali racconti & poesie | 6 commenti

Dante secondo Napoli: “Lo ‘Nfierno” e ” ‘A Vita Nova”

Per cortesia di Irene Maria Nieves Profenna.

In questo settecentesimo anno dalla morte di “Durante Alighieri detto Dante”, per usare un’espressione dello storico Alessandro Barbero, molte sono le iniziative sorte per ricordare il “Sommo Poeta” della letteratura italiana.
Alcune molto particolari, che si inseriscono nel solco delle traduzioni dialettali della grande letteratura iniziata fin dal Seicento, e fiorita soprattutto nell’Ottocento, in particolare dopo l’Unità d’Italia, per avvicinare il “popolo basso” alle opere più importanti della letteratura italiana.

Continua a leggere
Pubblicato in Poesia & Letteratura | Lascia un commento

I Vichinghi – Richard Fleischer (1958)

“Vikings”, “Norsemen”, “The Last Kingdom”… In questi ultimi anni si stanno moltiplicando le serie televisive, soprattutto di provenienza anglosassone, dedicate agli “Uomini del Nord”. Il problema di queste serie televisive, però, è che non solo non hanno niente di storico, ma, pur presentandosi come come tali, e avendo a volte magari anche storici come consulenti, non hanno nessuna intenzione di sforzarsi, proponendo non solo costumi e scenografie che non c’entrano nulla con il periodo storico (sarebbe chieder troppo), ma riducendo una popolazione così complessa come quella dei cosiddetti “Vichinghi” (o meglio, “Scandinavi dell’Età Vichinga“) a un branco di selvaggi senza alcun tipo di legge, ma solo istinti che sembrano fatti apposta per solleticare quelli dell’ “audience”.
Null’altro che un’operazione di “marketing”, insomma, ma c’è marketing e marketing: e quando a promuoverlo è uno che pratica il cinema, quello con la C maiuscola, i risultati sono ben altri.
È il caso di un mostro sacro come Kirk Douglas, scomparso l’anno scorso, che nel 1958 si addossò la coproduzione di un film tratto dal romanzo The Viking di Edison Marshall che, nelle sue intenzioni, doveva essere un vero e proprio kolossal, in cui non bisognasse badare a spese per sorprendere il pubblico. A dirigerlo non esattamente un dilettante, Richard Fleischer, che anni dopo avrebbe firmato titoli come Barabba, Tora! Tora! Tora! e Conan il Distruttore. Il risultato fu I Vichinghi.

Continua a leggere
Pubblicato in Spettacoli | Lascia un commento

“Mulieres Salernitanae” al Premio Italia Medievale – secondo round.

Contro ogni mia più rosea previsione, è successo: “Mulieres Salernitanae” è nella rosa dei candidati alla sezione A (editoria) del Premio Italia Medievale!!

Adesso però arriva il difficile: portare Trotta, Rebecca, Sabella, Margherita, Venturella e Costanza alla gloria del premio.
Il che è particolarmente difficile quest’anno, visti i concorrenti che si ritrovano, gente molto più titolata di me alla vittoria.

Ma io non dispero, e confido in voi.
Se anche voi, come me, volete far conoscere finalmente queste donne in tutta Italia, entrate nella pagina del Premio Italia Medievale, e, insieme ai vostri preferiti per le altre categorie, seguite le istruzioni per votare per la categoria A il n.1, “Mulieres Salernitanae”.

Avete di tempo fino al 31 agosto prossimo.
Forza, ce la possiamo fare!!

Per votare
Sito dell’Associazione Italia Medievale

Pubblicato in Messaggi personali racconti & poesie | Lascia un commento

Scuola Medica Salernitana: il problema delle origini.

Al-Razi consegna la sua opera al re e al sultano – Miniatura dal “Liber Continens” di Al-Razi, XIIIsec.

La Chronica Elini riporta la Leggenda dei Quattro Medici di diverse provenienze che, insegnando rispettivamente in Latino (Salernus), in Greco (Pontus), in Ebraico (Helinus) e in Arabo (Adela), avrebbero dato vita alla Scuola Medica Salernitana. Si tratta però di una leggenda tarda, messa per iscritto non prima del Rinascimento.
Fatto sta che, a proposito delle origini della Scuola Medica Salernitana, c’è un vuoto, e tante domande rimangono senza risposta, a cominciare da una: perché proprio a Salerno? Certo, può aver contato molto l’humus culturale greco-bizantino, come il fatto che Salerno, fin dall’VIII secolo ha un ruolo politico importante, con uno sviluppo urbano di tutto rispetto, è una città ricca di acque, con un porto che la apre al Mediterraneo. Queste, però, non sono caratteristiche esclusive di Salerno. E allora?

Continua a leggere
Pubblicato in Scienza tecnologia e medicina | Lascia un commento