Sibilia Apuliense (secc. IX-XI)

48209527_2175288735897365_5397379495579615232_o

Di Sibilia sappiamo molto poco: le fonti ci dicono che viene dall’Emirato di Bari, e che si reca a Salerno insieme ad altri medici verso l’860 al seguito degli ambasciatori inviati dall’emiro Sawgdan, al preciso scopo di perfezionarsi nell’arte di Ippocrate; e si aggiunge un particolare, è esperta nella cura delle ferite.

47686883_2175288999230672_4540348737649639424_o

Queste sue qualità avranno potuto farle fare carriera? Non lo sappiamo, ma sappiamo che la moglie del principe Guaiferio, Landelaica, ha un problema ad un occhio. Chi dunque meglio di una donna medico per occuparsene in qualità di archiatra, cioè medico di palazzo?

48053352_2175288582564047_1483858140742025216_n

D’altronde, donne medico esistono già dai tempi dei Greci e dei Romani, e continueranno ad esistere fino a XV secolo inoltrato: non solo ginecologhe, ma anche oculiste, chirurghe, fisiche. Mediche di tutto il corpo, insomma, che si occupa della salute dei suoi pazienti, uomini e donne, con la dietetica, la farmacologia e la chirurgia, come faranno secoli dopo, proprio a Salerno, le donne della Scuola Medica Salernitana, da Trotta detta Trotula a Costanza Calenda.

48041607_2175288449230727_3901064300411748352_n

https://genslangobardorum.jimdo.com/membri/

Annunci