Bobbio – riemerge il Medioevo sepolto

di Barbara Sartori

Facciata dell'Abbazia di San Colombano - Bobbio, XV sec.

Facciata dell’Abbazia di San Colombano – Bobbio, XV sec.

Il “Medioevo sepolto” di Bobbio torna alla luce grazie a san Colombano. A 1400 anni dalla morte del monaco irlandese che predicò il Vangelo sulle strade di un’Europa in crisi d’identità, l’abbazia che ne custodisce le spoglie sta ospitando uno scavo archeologico per indagare le origini della presenza monastica nella città della Val Trebbia.
A dispetto dell’eccezionalità del sito, si hanno infatti pochissime informazioni sul primo periodo di vita della comunità fondata da Colombano nel 614, ultima tappa della peregrinatio pro Christo che da Bangor, sulla costa nord-est dell’Irlanda, lo condusse in Francia, Svizzera e infine in Italia.
Making Europe: Columbanus and his legacy”, ovvero “Fare l’Europa: Colombano e la sua eredità” è non a caso il nome del progetto di respiro internazionale entro cui si colloca l’iniziativa archeologica. Avviato nel 2010, punta a valorizzare il patrimonio di cultura che il fiorire dei monasteri colombaniani ci ha consegnato.

Il cosiddetto "Monymusk Reliquary", contenente delle reliquie di San Colombano, proveniente dall'abbazia di Iona legno e argento - VIII sec. - Edimburgo, National Museum of Scotland.

Il cosiddetto “Monymusk Reliquary”, contenente delle reliquie di San Colombano, proveniente dall’abbazia di Iona legno e argento – VIII sec. – Edimburgo, National Museum of Scotland.

Come accadeva in Italia con le fondazioni legate a san Benedetto, l’arrivo di Colombano e dei suoi dodici compagni nelle Gallie del VII secolo – con i monasteri di Annegray, Luxueil e Fontaines – ha prodotto isole di civiltà in un’Europa allo sbando dopo il crollo dell’Impero romano. Quando, per contrasti con i regnanti del tempo ai quali il monaco non risparmiava aspri rimproveri per la loro condotta poco consona all’altezza del ruolo, attraversò i confini francesi spingendosi sul Lago di Costanza e poi al di là delle Alpi, nella Lombardia dei sovrani longobardi Agilulfo e Teodolinda, portò con sé la sua visione di un’Europa che nella fede cristiana poteva trovare la sua unità.

Codex Bobiensis - testo del "De Re Publica" di Cicerone, VII sec.

Codex Bobiensis – testo del “De Re Publica” di Cicerone, VII sec.

La rete di cenobi che seguivano la Regola di Colombano ne erano la dimostrazione vivente. A partire da Bobbio, che nel 628, con la bolla di Onorio I, divenne il primo monastero ad essere esentato dalla giurisdizione del vescovo e posto sotto la protezione diretta del Papato. Un fatto che attesta il prestigio che Colombano, morto nel 615, aveva saputo guadagnarsi nella Chiesa. Ribattezzato la “Montecassino del Nord”, nel X secolo Bobbio poteva vantare la biblioteca più preziosa della penisola: il suo catalogo comprendeva settecento codici, compresi manoscritti di opere della letteratura latina come il Palinsesto bobbiese da cui il filologo ottocentesco Angelo Mai trascrisse il De Republica di Cicerone.

Bobbio - Museo dell'Abbazia di San Colombano - XV sec.

Bobbio – Museo dell’Abbazia di San Colombano – XV sec.

La storia della presenza monastica in Val Trebbia è terminata con la cacciata, al pari degli altri ordini religiosi, ad opera di Napoleone Bonaparte. Nei locali un tempo adibiti alle arti liberali e allo scriptorium ha ora sede il museo dell’abbazia di San Colombano: vi si possono ammirare oggetti sia legati al culto del santo che alla storia della città, strettamente connessa a quella del monastero. Gli scavi in corso ne chiariranno ancora meglio i contorni.
«È la prima volta di un intervento scientifico di tale importanza a Bobbio: ci aspettiamo di trovare attestazioni delle fasi più antiche della storia della città», spiega Roberta Conversi della soprintendenza per i Beni archeologici di Parma e Piacenza, che si occupa della direzione scientifica dei lavori insieme a Eleonora Destefanis dell’Università del Piemonte Orientale.

Lapide di Cumiano - marmo scolpito, VIII sec. - Bobbio, Museo dell'Abbazia di San Colombano.

Lapide di Cumiano – marmo scolpito, VIII sec. – Bobbio, Museo dell’Abbazia di San Colombano.

L’Ateneo, grazie ad un contributo dell’Università di Galway, partner del progetto di ricerca, ha organizzato un vero e proprio “cantiere scuola” in Archeologia medievale al quale stanno partecipando studenti irlandesi, italiani e francesi. Già nel 2013 un team di studiosi aveva effettuato indagini georadar nel centro della Val Trebbia e nell’area del complesso abbaziale.
Un’alta concentrazione di strutture sepolte era stata individuata dentro la basilica. Il sondaggio stratigrafico consentirà ora di indagare la consistenza del giacimento archeologico ancora conservato e, si spera, di mettere in luce elementi delle fasi edilizie più antiche del complesso monastico. Ogni pomeriggio, la squadra di studenti-archeologi presenta ai bobbiesi le scoperte della giornata. Momento culminante del progetto (condiviso dalla parrocchia di San Colombano e dalla diocesi di Piacenza-Bobbio) sarà il convegno di studi che presenterà i riscontri di questi anni di ricerca e che si terrà a Bobbio il 21 e 22 novembre prossimi, alla vigilia del 14° centenario della morte del santo.

da “Avvenire”, 21/02/2015

Per saperne di più:
Sulle orme di San Colombano;
Eleonora Destefanis, La diocesi di Piacenza e il monastero di Bobbio, Spoleto, CISAM, 2008;
Giona di Bobbio, Vita di Colombano e dei suoi discepoli, a cura di Aldo Granata, Milano, Jaca Book, 2001;
San Colombano, Le opere, a cura di Aldo Granata, Milano, Jaca Book, 2001;
Id., Istruzioni e regola dei monaci, a cura di Annamaria Canopi, Abbazia San Benedetto, 1997;
San Colombano abate d’Europa, a cura di Paolo Gulisano, Adolfo Morganti, Mauro Steffenini, Castel Bolognese, Itaca, 2007;
Inos Biffi, La disciplina e l’amore: un profilo spirituale di San Colombano, Milano, Jaca Book, 2002.

Annunci

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e ora collaboro con il giornale on-line "Citizen Salerno" e con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e sono membro di varie associazioni culturali tra cui la "Veritatis Splendor" e la "Felix".
Questa voce è stata pubblicata in Itinerari, Storia & Personaggi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...