Il suono di Trotula

L’Ensemble Hartmann al Bar Verdi

Si apre con un omaggio all’Afghanistan il concerto dell’ensemble Hartmann al bar Verdi di Salerno: gli accordi del robab, il liuto afghano così raro da trovare perché già da tempo i musicisti sono costretti a nasconderlo sotto terra, e ancor più oggi che i talebani (rinnegando le loro stesse radici) hanno proibito la musica, accompagnati dal tamburo e dalla dilruba indiana, gridano tutta la bellezza di una terra che ancora oggi non riesce a trovare pace.
E il pensiero corre subito alle donne afghane, ora di nuovo ridotte al silenzio da un regime di estremisti che usa il nome di Dio come un’ideologia; ma anche alle nostre donne italiane, delle quali, ogni tre giorni in media, una muore, di solito per mano dell’uomo che diceva di amarla.

Dunque possono avere un suono queste donne?
L’impressione è che questa domanda sia la spina dorsale dell’album di esordio degli Hartmann, Trotula, in cui la medica Trotta diventa un po’ il simbolo di tutte le donne, del suo tempo e di oggi.
Accordi dei trovatori, armonie orientali e testi del Seicento napoletano si fondono, quasi a voler mantenere sospeso ogni spazio, temporale o geografico, così come sospeso sembra il tempo nel grembo materno. I testi originali hanno il sapore del mare, di una speranza che viene da lontano, di viaggi avventurosi e di nostalgie d’amore, o anche di creature fantastiche che spesso accorrono in aiuto delle donne, come il “monaciello” napoletano.
E’ stata suggestiva la scelta degli Hartmann di affidare i loro suoni al supporto del vinile: un materiale che credevamo passato di moda, soppiantato dalla musica digitale, ma che ora sta tornando prepotentemente alla ribalta. Forse perché, in un mondo in cui tutto cambia alla velocità della luce, siamo alla ricerca di qualcosa che duri?
E cosa può durare di più del suono delle donne che, nonostante tutti i tentativi di farlo tacere, resiste da migliaia di anni?
Basta avere le orecchie, la mente e il cuore per ascoltarlo.

Per acquistare l’album.

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e con il giornale on-line "Citizen Salerno" e ora collaboro con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e come rievocatrice indipendente promuovo la Scuola Medica Salernitana, gloria della mia città.
Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...