Manuale per mio figlio

Per il dodicesimo volume della nostra biblioteca virtuale, vi propongo una vera perla tutta al femminile, pubblicata meritoriamente dalle Edizioni Studio Domenicano: il Liber Manualis, composto tra l’841 e l’843 da Dhuoda, non monaca ma laica, non badessa ma madre di famiglia. Un manuale di educazione, composto per il figlio maggiore Guglielmo, e, attraverso di lui, anche per il suo figlio minore Bernardo, di cui non conosce nemmeno il nome.

Cliccare sull’immagine per leggere il libro

Dhuoda infatti vive in un’epoca turbolenta: suo marito, Bernardo di Settimania, è coinvolto nelle rivolte scatenatesi dopo la morte di Carlo Magno, e ha affidato a sua moglie la difesa della fortezza di Uzès, nella Francia meridionale. I due figli ch’ella gli ha partorito sono con lui, probabilmente in un posto più sicuro della turbolenta Uzès, ma la madre, anche se da lontano, può occuparsi della loro educazione: e lo fa attraverso questo libro, un compendio di tutto quello che le sembra sia utile sapere per un giovane di sedici anni che si appresta a entrare nel mondo degli adulti.
Dhuoda in questo libro dimostra una cultura mostruosa: conosce l’Ebraico, il Greco e il Latino, e sa scrivere in versi, ma sa rendere semplici i suoi insegnamenti e impregnarli di amore materno. Raccomanda al figlio di leggere e di studiare; insiste con forza sulla necessità di amare tutti, appellandosi anche ai Padri della Chiesa, e sull’importanza della preghiera, soprattutto della recita dei Salmi, che descrive con parole intrise di poesia; partendo dalle Sacre Scritture, con un sapiente gioco d’incastro, passa dalla simbolica alla matematica con una facilità sorprendente.
Chi parla non è una reclusa impotente cui sono stati strappati i figli, come qualcuno ha sostenuto, ma una madre conscia del proprio ruolo di educatrice, e che agisce al fianco del padre, cui raccomanda al figlio di obbedire. Un esempio, insomma, del ruolo delle donne nella trasmissione del sapere nell’età carolingia e nel Medioevo in generale.

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e con il giornale on-line "Citizen Salerno" e ora collaboro con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e come rievocatrice indipendente promuovo la Scuola Medica Salernitana, gloria della mia città.
Questa voce è stata pubblicata in Biblioteca, Donna e donne. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Manuale per mio figlio

  1. grazie per questa piccola perla nascosta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...