Ora e sempre, Medioevo

di Christian Rocca

I demagoghi dell’era social svelati dalle lezioni degli antichi.

Strasbourg_Cathedral_Exterior_-_Diliff

Facciata della catedrale di Notre-Dame di Strasburgo, XII-XV sec.

La nostra idea di Medioevo si è formata alcuni secoli dopo la sua fine, ed è sbagliata. Il Medioevo non è sinonimo di superstizione, oscurantismo e violenza, ma non è nemmeno anticipatore illuminato di teorie o dottrine contemporanee. Esiste però un pensiero politico medievale, istruito e dotto, originale e indissolubilmente legato alla sua epoca, che va oltre la strumentalizzazione dei moderni, impegnati ora ad attribuirgli la radice dei mali, delle manchevolezze e dei fallimenti di ogni epoca, quasi fosse una specie di bad company della storia europea, ora invece a scorgervi il momento della nascita dell’Europa e degli Stati nazione.

Strasbourg_Cathedral_nave_looking_east-_Diliff

Navata della catedrale di Notre-Dame di Strasburgo, XII-XV sec.

Idee che credevamo di capire.
Il Medioevo non è niente di tutto questo, spiega un nuovo e delizioso saggio di Gianluca Briguglia che fa da mappatura, e storia intellettuale, de Il pensiero politico medievale (Einaudi, pp. 235, €21). Briguglia, 48 anni, è direttore del Dipartimento di Filosofia dell’Università di Strasburgo, dove insegna Storia Medievale. E proprio da Strasburgo, dalla sua splendida cattedrale gotica di 142 metri, Briguglia parte per raccontare la storia del pensiero politico dell’Europa occidentale tra il XII e il XV secolo: la cattedrale di Strasburgo è contemporanea, scrive Briguglia, perché è parte vitale della città odierna, oltre che per tutta la storia che vi si è sedimentata arrivando fino a noi, ma allo stesso tempo non sappiamo nulla dell’epoca in cui è stata costruita, delle ragioni per cui è così alta e di molto altro, perché in fondo il mondo storico che ha prodotto la Cattedrale non esiste più e per questo, continua Briguglia, si può dire che la cattedrale di Strasburgo semplicemente non esiste, così come non esistono le idee e le teorie medievali che crediamo di capire e di apprezzare, ma che in realtà non conosciamo, anche se a volte abbiamo l’impressione che siano contemporanee.
La rassegna che fa Briguglia dei pensatori medievali grandi e piccoli, con quei nomi memorabili che vanno da Giovanni di Salisbury a Brunetto Latini, da Tolomeo da Lucca a Giacomo da Viterbo, e poi i più noti Marsilio da Padova, Tommaso d’Aquino, Dante Alighieri, Guglielmo di Ockham, è una formidabile sceneggiatura di idee e di pensiero sulle città, sul ruolo di Dio, sul discorso pubblico, sulla nascita di una cultura politica. Lo scopo del saggio non è quello di mostrare la grandezza di questi autori sulla base delle loro capacità di precorrere i tempi e le idee, al contrario è quello di invitare i lettori a limitarsi a cogliere la specificità e l’originalità del loro pensiero e nel rispetto del contesto storico.

David_et_Salomon,_vitrail_roman,_Cathédrale_de_Strasbourg

I re Davide e Salomone – Vetrata dalla cattedrale di Notre-Dame a Strasburgo (XII sec.)

Il potere della parola pubblica.
Eppure, ci scuserà Briguglia, è difficile non pensare ai demagoghi dei giorni nostri leggendo di Boncompagno da Siena che reputa «sregolata e plebea», da «illetterati senza istruzione e ragionevolezza», l’ostentazione oratoria del concionatores che arringano le folle in sella a un cavallo «che è quasi fatto fremere ad arte come segno di energia, che impugnano la spada con volto feroce e la fanno roteare, che ricordano le vittorie degli antichi e le offese ricevute dai nemici, fino a quando il popolo non urlerà, alla domanda se si vuole scatenare la guerra “Fiat, fiat”, ovvero “Sia fatto, sia fatto”». Altrettanto improbabile non fantasticare sull’urgenza di un manuale d’uso per i social ispirato al Liber de doctrina dicendi et tacendi di Albertano da Brescia il quale, nel 1245, agli albori dello spazio politico creato dalla parola dei cittadini, invitava a stare molto attenti a quella nuova forma di comunicazione: «Ricerca chi sei tu che parli, che cosa dici, a chi lo dici, perché, come e quando parli», ovvero un magistrale manifesto, per usare le parole di Briguglia, «sul potere della parola pubblica, sui suoi pericoli, sulle sue opportunità, sulle sue regole e sul valore del tacere».

da “La Stampa”, 27/11/2018.

Per saperne di più:
Gianluca Briguglia, Il pensiero politico medievale , Torino, Einaudi, 2018;
Albertano da Brescia, Liber de doctrina dicendi et tacendi. La parola del cittadino nell’Italia del Duecento, a cura di Paola Navone, Firenze, SISMEL, 1998.

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e con il giornale on-line "Citizen Salerno" e ora collaboro con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e come rievocatrice indipendente promuovo la Scuola Medica Salernitana, gloria della mia città.
Questa voce è stata pubblicata in Fede & filosofia. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ora e sempre, Medioevo

  1. Costa ha detto:

    Salve Madame Mercuriade, sempre un piacere entrare nel suo blog, credo sia unico del genere in campania… sul Medievo siamo ancora vittima dei pregiudizi illuministi e poi liberali, sulla politica medievale basterebbe citare i comuni , e le varie scuole di pensiero sulla politica, i servi della gleba vanno concepiti in un periodo di guerra,e instabilità ,dove a volte erano loro che non volevano essere liberati, (e comunque non erano schiavi) per avere protezione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...