“Medieval Experience” a Zumelle

01-Castello-Zumelle-FSovilla

Scorcio del castello di Zumelle.

È conosciuto come il castello meglio conservato della Valbelluna, al confine tra Veneto e Friuli: nato come presidio romano nel I secolo d. C., il castello di Zumelle, nel Bellunese, divenne nel Trecento la residenza della famiglia da Camino, signori del Trevigiano. Restaurato negli anni ’60 e negli anni ’90, dall’aprile 2015, il castello e relativo parco ha di nuovo riaperto i battenti dopo un lungo periodo di chiusura, ma in una veste molto particolare: un vero e proprio parco tematico, nel quale sono stati ricreati gli ambienti del villaggio e del castello come dovevano apparire nel suo periodo di massimo splendore, il XIV secolo. Non solo, si tratta di una struttura ricettiva a tutti gli effetti, con stanze per pernottamento, bar e ristorante.

11182200_1630515497178612_1009108084101342618_n

Per cortesia dell’Associazione Sestiere Castellare

La gestione è stata curiosamente affidata ad un gruppo di ricostruzione storica, i Toscani Sestiere Castellare di Pescia: gruppo nato esattamente vent’anni fa, come racconta il presidente Pierfrancesco Pieri, rievocatore dal 1988:
«Il contesto in cui il gruppo nasce è quello del Palio di Pescia, ma ben presto abbiamo sentito l’esigenza di una ricostruzione più rigorosa rispetto all’ambiente folkloristico in cui eravamo immersi: così siamo partiti in primo luogo dalle fonti, studiando documenti d’archivio toscani e saggi storici, tanto che ne è venuta fuori una piccola biblioteca. Ciò che ci interessava era anzitutto approfondire il discorso delle arti e dei mestieri trecenteschi nel modo più corretto possibile, oltre alla vita quotidiana e in particolare l’abbigliamento: importante in questo senso è stato l’incontro con Sara Piccolo Paci, la cui madre era per giunta sarta alla Ceratelli; per fare solo un esempio siamo stati tra i primi in Italia a riproporre l’argomento dei bagni pubblici medievali, ricreandone uno scorcio. Evidentemente il nostro approccio si è dimostrato vincente, tanto che, con il tempo, i 10 membri iniziali sono cresciuti fino ai 50 di oggi, e siamo arrivati a proporre più di cento manifestazioni l’anno, soprattutto con l’allestimento del Mercato Medievale e del Mercato Rinascimentale; non solo, all’interno del nostro gruppo è cresciuto perfino un servizio catering per cene medievali.»

13882479_1151706434918990_4296288000636988304_n

Per cortesia dell’Associazione Sestiere Castellare.

Tutto questo ha trovato in qualche modo una “casa” nel castello di Zumelle. Ma come è riuscito un gruppo di rievocazione storica ad ottenerne la gestione?
«Semplice, – risponde Pierfrancesco: – abbiamo vinto la gara bandita dal comune di Mel per la gestione di castello, ristorante, bar e parco: e da sottolineare il fatto che garantire lo sfruttamento del ristorante e del bar era conditio sine qua non per ottenere tutto il resto. E noi abbiamo trasformato questo obbligo in una risorsa per noi, presentando un piano di rilancio (da realizzare in due anni per una durata di gestione di 10 anni rinnovabili per altri 10) che comprendeva l’allestimento medievale del castello, realizzato interamente da noi, lo sfruttamento del parco e la trasformazione del ristorante in una taverna medievale. Il risultato è stato ben al di sopra delle nostre aspettative, in termini di affluenza e di gradimento del pubblico.»

11065929_789753811114256_4171224476663411827_n

Per cortesia dell’Associazione Sestiere Castellare

Sorge però una domanda: una struttura ricettiva ha delle esigenze sue proprie, che non sempre coincidono con il rigore storico, obiettivo primario di un gruppo di Storia Viva. Come si riescono a conciliare questi due tipi di esigenze?
«Spesso scendere a compromessi è inevitabile, soprattutto se si parla del ristorante: esistono delle regole igienico-sanitarie molto severe su questo punto, cui noi dovevamo adeguarci per forza per non rischiare una denuncia; ad esempio, di bicchieri di terracotta non era nemmeno il caso di parlarne, abbiamo dovuto utilizzare quelli in vetro. Se andiamo poi al discorso del parco, realizzare manifestazioni di altro tipo che prescindano dal Medioevo (come il Villaggio di Babbo Natale o il Castello di Harry Potter) è purtroppo un’esigenza di carattere economico, dato che le manifestazioni di carattere medievale stanno avendo un calo di gradimento, forse per il loro eccessivo inflazionamento. L’idea, però, rimane quella di far conoscere il castello di Zumelle a prescindere dal tema delle manifestazioni che vi si tengono, e le 25000 presenze che abbiamo totalizzato in un anno qualcosa vorranno dire.»

11223529_832849286804708_2929371038953002057_n

Per cortesia dell’Associazione Sestiere Castellare.

La ricetta dei Sestiere Castellare per Zumelle è dunque quella del turismo emozionale, approccio ideale per un luogo suggestivo anche dal punto di vista paesaggistico, incastonato tra le montagne. Particolarmente interessante è in questo senso l’opzione che costituisce il loro asso nella manica, quello che viene chiamato Medieval Experience, diffusa soprattutto in Gran Bretagna. Pierfrancesco Pieri ci spiega di cosa si tratta:
«È la possibilità di trascorrere una giornata intera all’interno del parco come un rievocatore a tutti gli effetti: una sorta di viaggio nel tempo, in cui il visitatore ha la possibilità di indossare un abito trecentesco, partecipare alle nostre attività e partecipare ai nostri corsi di arti e mestieri medievali, e scegliere se pranzare o no in taverna. Noi cerchiamo di rendere questa opzione il più fruibile possibile mantenendo un prezzo contenuto (20 euro, 15 per i bambini), ma ovviamente si tratta di un tipo di esperienza concepita per i piccoli numeri di visitatori, fino al massimo ad un centinaio di persone. Per i numeri più grandi ci sono gli eventi come la Fiera della Perdonanza a luglio, a tutti gli effetti il grande evento medievale del castello, per il quale l’anno scorso abbiamo raggiunto le mille presenze.»
Anche se le esigenze di rigore storico, dunque, a volte devono cedere il passo a quelle di budget, l’esempio di Zumelle dimostra che, se si hanno le idee chiare, con la cultura (e con la rievocazione) si può mangiare.

Articolo pubblicato su – Rievocare

Per saperne di più:
Sito del Castello di Zumelle

Advertisements

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e ora collaboro con il giornale on-line "Citizen Salerno" e con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e sono membro di varie associazioni culturali tra cui la "Veritatis Splendor" e la "Felix".
Questa voce è stata pubblicata in Living History. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...