“Longobardi per l’Italia”, parte 4 – “Laumellum”: il coraggio di cambiare.

Per dieci anni è stata una “festa medievale” come tante altre, quella che a Lomello, in provincia di Pavia, ricorda il matrimonio della regina vedova dei Longobardi Teodolinda con il duca di Torino Agilulfo, celebrato proprio lì nel 590.
Poi, in questa undicesima edizione che ha occupato il fine settimana del 19-20 giugno, la scelta coraggiosa, della quale ci dà conto il presidente della Pro Loco di Lomello, Gabriele Prinelli:
«Abbiamo deciso di rendere la manifestazione unica nel suo genere: una rievocazione storica longobarda a tutti gli effetti, il più filologica possibile, con un campo storico ricostruito con tutti i crismi del caso e una rappresentazione quanto meno plausibile. Non solo, dunque, abbiamo chiamato gruppi di rievocazione di alto livello (i Fortebraccio Veregrense, gli Helvargar, L’ARC, i Bandum Freae e Insubria Antiqua), ma abbiamo fatto rifare anche gli abiti di tutti i nostri figuranti, a partire da quello di “Teodolinda” perché fossero in linea con lo standard qualitativo che avevamo in mente.»

Per cortesia dell'Associazione Culturale Bandum Freae.

Per cortesia dell’Associazione Culturale Bandum Freae.

Un lavoro mastodontico per due giorni molto intensi, che hanno incluso, oltre al campo storico con didattica militare e civile combattimenti, un mercato medievale, il banchetto di nozze di Teodolinda, nonché visite guidate al borgo ed un museo itinerante interamente dedicato ai Longobardi.
«In questo modo, abbiamo voluto valorizzare anche il nostro territorio, che conta tesori come il battistero di San Giovanni ad Fontes, le cui origini risalgono al VI secolo; nello sconsacrato oratorio di San Rocco abbiamo inoltre allestito il museo itinerante a cura dell’associazione L’ARC, con riproduzioni di reperti longobardi fatti da loro. Abbiamo scelto, insomma, di mostrare più la vita quotidiana dei Longobardi più che il lato marziale. Scelta “controcorrente”, che ci è costata non poca fatica, soprattutto nel trovare i finanziamenti, ma che, a quanto pare, è stata premiata sia dal pubblico sia dalle istituzioni: il Comune di Lomello si è messo a nostra disposizione, abbiamo avuto il patrocinio della regione Lombardia, e la domenica abbiamo avuto perfino il piacere di trattenere il presidente della provincia di Pavia per l’intera giornata di domenica. Per l’anno prossimo stiamo pensando di ampliare il programma, affiancando all’episodio delle nozze di Teodolinda quello della prigionia di sua figlia Gundeperga, avvenuta sempre a Lomello, oltre che di creare un gruppo di rievocazione stabile che possa fare rete con gli altri gruppi storici longobardi sparsi per l’Italia

Per cortesia dell'Associazione Culturale Bandum Freae.

Per cortesia dell’Associazione Culturale Bandum Freae.

Direttore artistico dell’evento è stato Sergio Verna, artigiano e liutaio ormai di fama internazionale e rievocatore “Longobardo” di lunga data.
«Quando ho cominciato ero praticamente una mosca bianca, e sono felice di vedere che, rispetto ad allora, l’interesse per i Longobardi sia aumentato di molto,» confida. «Frequentavo la manifestazione di Lomello da un paio d’anni, con il gruppo vichingo di cui faccio ancora parte, e mi ero accorto che questo borgo aveva grandi potenzialità, ed era un peccato non sfruttarle. Così ho cominciato a mettere la pulce nell’orecchio agli organizzatori, e devo dire che si sono dimostrati molto ricettivi. La mia idea era stimolare nel visitatore una domanda: chi erano i Longobardi? Al livello comune non c’è molta informazione al riguardo, dunque suscitare anche un minimo di interesse per me sarebbe stata una grande conquista.»
Per trasformare tutto questo in realtà, però, si è dovuto ripartire praticamente da zero, come ci spiega lo stesso Sergio Verna: «In sé, l’impianto dell’evento non è stato stravolto, anche perché un minimo di canovaccio c’era, ma è stato utilizzato per un discorso non genericamente “medievale” ma longobardo a tutti gli effetti. E la collaborazione della Pro Loco, in questo senso, è stata eroica, e anche i pochi figuranti del posto sono stati disposti a rifare daccapo i propri costumi.»
Un capitolo a parte è stato il “banchetto nuziale di Teodolinda”, una vera e propria cena altomedievale ricostruita fin nei piatti di pane, e adeguatamente condita di musica e di duelli con scramasax.

Per cortesia dell'Associazione Culturale Bandum Freae.

Per cortesia dell’Associazione Culturale Bandum Freae.

Tuttavia c’è tanto ancora da migliorare, nonostante il successo di pubblico e di critica.
«La partecipazione è stata molto più corposa rispetto agli altri anni,» nota Sergio Verna, «e fatta di persone curiose, che facevano domande, che volevano sapere. Bisogna, però, migliorare l’aspetto della comunicazione, in modo che Lomello diventi un evento centrale nel panorama rievocativo del Nord Italia. Inoltre sarebbe interessante se ogni punto del borgo fosse interessato da un particolare allestimento in un determinato momento delle due giornate, in modo da non lasciare spazi o tempi morti, magari potendo offrire anche spettacoli oltre che didattica.»

Articolo pubblicato su – Rievocare.

Per saperne di più:
Sito della Pro Loco di Lomello.

Annunci

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e ora collaboro con il giornale on-line "Citizen Salerno" e con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e sono membro di varie associazioni culturali tra cui la "Veritatis Splendor" e la "Felix".
Questa voce è stata pubblicata in Living History. Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Longobardi per l’Italia”, parte 4 – “Laumellum”: il coraggio di cambiare.

  1. mary ha detto:

    questo bisogna farlo girare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...