“Ildegarda Day” a Benevento: la voce del sangue

Locandina del film "Vision" di Margarethe von Trotta (2009).

Locandina del film “Vision” di Margarethe von Trotta (2009).

Il 3 ottobre 2014, nella suggestiva chiesa medievale di San Francesco in piazza dogana a Benevento, dopo aver celebrato il beato transito di San Francesco, in un clima di preghiera e di silenzio, si è svolto un breve concerto-preghiera nell’ambito della manifestazione dell’Ildegarda Day, promossa sul web da un gruppo di giovani universitari di Salerno e dal sottoscritto. Scopo della manifestazione è quello di chiedere alla Rai di doppiare in lingua italiana, (e di trasmetterlo sulla rete nazionale) il film “Vision” della regista Margarethe von Trotta, sulla figura di Santa Ildegarda di Bingen, monaca benedettina del XII secolo, un “genio tutto al femminile”. La petizione alla Rai continua tuttora sul social network Facebook, con la nascita di un’apposita pagina, “Ildegarda in Italiano“. 

 1891163_1397539643869430_8240537821564542617_n

Sono anni che studio Santa Ildegarda, (attualmente sono occupato a tradurre il suo immenso epistolario) una donna che precorre i nostri tempi contemporanei e che ancora oggi vuol dire qualcosa a noi uomini e donne del XXI secolo, tecnologici e razionalisti. Ciò che mi ha sempre affascinato di questa campionessa di santità è l’amore per Dio di cui ella mostra le vie all’uomo ferito dal peccato, e sul come arrivare a Lui. Un percorso fatto da tante strade, tante vie: Scivias Domini! è il suo motto! Cioè: Conosci le vie del Signore! Ildegarda ha capito che se l’uomo vuole vivere felice nella sua completezza deve tornare al suo Creatore, che l’ha formato a sua immagine e somiglianza per renderlo simile a lui “divinizzandolo”. Ma con il peccato della disobbedienza, l’uomo ha perso questa somiglianza divina con Dio, rendendosi schiavo delle sue stesse passioni.
Ecco dunque, che Ildegarda, attraverso le visioni rivelate dallo stesso Creatore, mostra all’uomo le strade per ritornare a lui: i Sacramenti, la filosofia, la liturgia, l’arte, la musica, il canto, la medicina, sette raggi di un’unica ruota che convergono in un unico centro: Dio, in un cammino ascensionale, dove l’uomo ritrova se stesso nella sua interezza, nella sua integrità: corpo, mente, spirito.

10609671_1397539653869429_6813062180696949646_n

Il concerto tenuto il 3 ottobre l’ho voluto espressamente sotto forma di preghiera, per non rompere quel filo mistico-spirituale, che lega Ildegarda all’umile Poverello d’Assisi S. Francesco. Entrambi hanno in comune la passione per la salvezza dell’uomo, l’amore per Dio e per l’intero creato dove tutto parla della Sua Immensa Gloria e dove tutto un giorno sarà “ricapitolato in Cristo”. (Ef. 1, 10) modello di Uomo perfetto.
Il concerto si è aperto con l’Inno Cum vox sanguinis “quando la voce del sangue” dedicato al martirio di Sant’Orsola e della sue compagne, che da il titolo al concerto stesso. Il tema è incentrato appunto sul sangue: quel sangue che ancora oggi tanti cristiani versano innocentemente, a causa della fede, nella voluta indifferenza del mondo intero. La voce del sangue che grida ancora ante thronum Dei: fino a quando o Signore? Dinanzi a questo grido, Dio non può che rispondere con altro sangue quello del Suo Figlio sparso sulla croce. Con l’antifona O Cruor Sanguinis. Il sangue di Cristo il vero Agnello Immolato lambisce il cosmo intero che gemente e atterrito della cruenta morte del Salvatore, implora di ungere de languoribus nostris, i languori generati dalle putride piaghe del peccato. Il sangue che sgorga dalle piaghe di Cristo diventa rugiada balsamica nell’antifona O rubor sanguinis da cui nasce il fiore eccelso: la Chiesa (Ecclesia) la sposa vergine e madre che si oppone umile e forte all’invernale e gelido soffio del serpente e che non potrà con le sue diavolerie mai ledere la sua splendente verginità: portae inferi non praevalebunt adversus eam (Mt. 16, 17).
È appunto con l’Inno dedicato a Ecclesia la sposa nata sul Calvario dal sangue del suo Sposo Divino, il concerto si conclude: senza applausi, senza bis, senza rumore, nel silenzio ancora orante di questa sera che ci ha visto uniti con i nostri fratelli perseguitati e uccisi i “Nun” a cui abbiamo dedicato questo momento.

10632573_1397539697202758_4752163648530653017_n

Articolo pubblicato su – Rievocare.

Annunci

Informazioni su frate Wolmaro

Sono nato otto lustri fa circa nel Regno delle Due Sicilie e precisamente in quel che Goethe definì un paradiso abitato da diavoli dove la sirena Partenope si lasciò morire d'amore per Ulisse. Vissuto e cresciuto all'ombra dello sterminator Vesevo, e cullato dal mare, sono legato fortissimamente alla mia terra, innamorato folle della sua gente, dei suoi profumi, colori, sapori, della sua musica, delle sue contraddizioni, delle sue debolezze, ma anche della sua veracità. Appassionato e cultore dell'Arte e della Musica, ma soprattutto appassionato studioso e ricercatore del Medioevo, passione nata fin da ragazzino, leggendo le gesta di Re Artù e i cavalieri della tavola rotonda. L'incontro con il Poverello d'Assisi, ha dato una svolta alla mia vita e così... scalzasi Egidio, scalzasi Silvestro ...mi scalzai anch'io seguendo le orme del Poverello, divenendo per tutti Fratello. Oltre la Medioevo in genere, studio da 20 anni la grande mistica tedesca Santa Ildegarda di Bingen ponendo l'attenzione ai suoi scritti di medicina, alle sue composizioni musicali, alle sue miniature e la suo immenso epistolario. Concludo sto "papiello": amo la musica medievale (ovviamente) quella barocca (sono un fan sfegatato di Vivaldi) e l'opera (Rossini, Verdi e Puccini i miei prediletti). Suono il dulcimer e il salterio, dipingo e infine canto! ma quante cose faccio?... non per niente sono nato sotto il segno dei Gemelli. Pax et Bonum!
Questa voce è stata pubblicata in Donna e donne, Musica, Spettacoli. Contrassegna il permalink.

3 risposte a “Ildegarda Day” a Benevento: la voce del sangue

  1. Fleur-de-Gigi ha detto:

    L’ha ribloggato su La Bella Donnae ha commentato:
    She is phenomenal! Most of my apothecary herbs were in her books, which cataloged herbal medicine in 12th Century Germany. Her major works were Physica, whose nine books focus on the scientific and medicinal properties of various plants, stones, fish, reptiles, and animals; and Causae et Curae, an exploration of the human body, its connections to the rest of the natural world, and the causes and cures of various diseases.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...