«I miti medievali servono ancora. A grandi e piccini»

di Matteo Sacchi

Episodio del Ciclo Arturiano - miniatura Francese, 1275-1300.

Episodio del Ciclo Arturiano – miniatura Francese, 1275-1300.

Cavallo, armatura, speroni e un grande cuore. Il sogno romantico della «gran bontà dei cavalieri antiqui» è una di quelle radici culturali che affondano più profondamente nell’humus mitopoietico dell’Occidente, e non solo. Abbiamo provato a farci spiegare il perché dal professor Franco Cardini, che oltre a essere uno dei più brillanti medievisti italiani, si è appena cimentato in un compito non facile, soprattutto per un professionista dello storia: trasformare in una versione illustrata e per bambini il mastodontico corpus delle leggende arturiane (Storie di Re Artù e dei suoi cavalieri, Gallucci, pagg.120, euro 16,50, illustrazioni di Cecco Mariniello).

Episodio del Ciclo Arturiano - miniatura Francese, 1275-1300.

Episodio del Ciclo Arturiano – miniatura Francese, 1275-1300.

Professor Cardini perché il mito della cavalleria è intramontabile?
«Perché come tutti i miti, cambia nel tempo. La nostra cultura è fatta di memoria ricostruita come spiegava Lucien Febvre. Non è che il nostro passato sia una sorta di memoria inconscia come credono gli atavisti, delle radici intangibili. Il “nostro” Medioevo cavalleresco e un po’ immaginario è figlio di Walter Scott, persino il Risorgimento italiano si è abbeverato dei suoi miti… E poi lo ha fatto Hollywood che ha creato l’immagine mentale dei cavalieri in calzamaglia, di cui siamo tutti un po’ vittime».

Insomma il Re Artù della nostra fantasia, e così i nostri cavalieri, vivono alla corte di Hollywood?
«Non solo a Hollywood, tutti gli Stati Uniti sono permeati di miti medievali, di architetture neogotiche. I miti medievali pervadono l’intera cultura americana. Ovviamente è la loro versione ottocentesca e romantica pesantemente rivisitata… Pensi a Disneyland… Il castello di Disneyland è il castello che più ha influenzato l’immaginario collettivo. Bene: è stato copiato dal castello di Neuschwanstein voluto da Ludovico di Baviera a metà Ottocento… Un castello che di medievale non ha niente. Insomma la nostra vulgata visiva sul Medioevo è la copia di una finzione scenica. La dice lunga…».

E il ciclo arturiano da cui Lei ha tratto il libro?
«Nasce nel XII secolo e diventa quasi subito una soap opera medievale… A sponsorizzarla furono i sovrani d’Inghilterra e duchi di Normandia. Gli serviva un mito fondativo del loro dominio, quello romano e quello carolingio erano già occupati. Se ne fecero uno su misura mescolando il folclore celtico con alcuni miti cristiani e le vicende di un condottiero gallo romano. Poi arrivo Chrétien de Troyes che diede il tocco finale con l’invenzione del Graal».

Ma in un corpus così esteso come ha scelto cosa raccontare a dei ragazzi?
«Ho tralasciato molte parti e mi sono concentrato su alcune vicende specifiche. Le ho raccontate come le racconto ai miei nipoti e sfruttando in questo caso anche le potenzialità dei disegni fatti da Cecco Mariniello che nel tratto sembra un po’ un preraffaellita. Onestamente non mi dispiacerebbe fare una serie di libri raccontando anche quello che in questo ho omesso… Sono leggende bellissime, vive sin che le rinnoviamo».

da “Il Giornale”, 11/10/2012

Per cominciare a raccontare ai bambini la storia di Re Artù (dalla Mort d’Arthur di Thomas Malory):
Le spade di Re Artù;
Il tradimento di Morgana;
Artù restituisce la sua spada.

Annunci

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e ora collaboro con il giornale on-line "Citizen Salerno" e con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e sono membro di varie associazioni culturali tra cui la "Veritatis Splendor" e la "Felix".
Questa voce è stata pubblicata in Poesia & Letteratura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...