Canzone di Marotta Amalfitana per fra Guittone d’Arezzo

Oggi ho voglia di raccontarvi una storia. Una storia che comincia come una fiaba.
Un tempo lontano, nella città di Amalfi, viveva una fanciulla, figlia di un mercante, di nome Marotta. Era bella, colta, dolce di parola e di canto. Chi non avrebbe desiderato averla come sposa? Eppure lei respingeva ogni pretendente che chiedeva la sua mano.
Finché un giorno, ad una festa, sentì cantare dei versi meravigliosi. Domandò al cantatore e sonatore, Matteo detto “‘o Taccone” (“il Plettro”) per la dolcezza che traeva dalle corde del suo liuto, e suo buon amico, di chi fossero quelle parole da cui trasudava tanto amore e quella musica così soave. Egli rispose che erano di Guittone d’Arezzo, poeta famoso in tutta Italia. Quel nome non era ancora stato pronunciato che Marotta se n’era già perdutamente innamorata.
Un giorno seppe che lo avrebbe visto nella cattedrale di Amalfi, e non stava più nella pelle dalla gioia. L’istante in cui incontrò il suo sguardo fu il più bello e il più triste della sua vita: quegli occhi s’impressero nel suo cuore come il marchio di un ferro rovente, ma vide pure che Guittone portava l’abito dei Cavalieri della Beata Gloriosa Vergine Maria. Era un frate!
Davanti a quello che era un amore impossibile in partenza, pur se quegli occhi la tormentavano giorno e notte fino a toglierle il sonno, Marotta fece la scelta più difficile, e forse la più bella: non avrebbe turbato la serenità dell’uomo che amava, ma avrebbe riversato tutto il suo amore nella poesia. A costo di spenderci l’intera sua vita, avrebbe scritto qualcosa di talmente bello da rendere il nome di Guittone immortale! Così, in volgare pugliese (lingua napoletana), aiutata da Matteo ‘o Taccone, scrisse e musicò questa canzone:

Foto per cortesia dell’Associazione storico-culturale “Imperiales Friderici II” – Foggia.

Manco bonnì dicette a Ser Limone
ca fuje l’ammore d’‘e pazzielle meje:
nennella pure ‘a notte ‘o sonnaje,
mo nun me fa manco cumpassione.
Pecché i’ auti frutte aggio magnato,
doce n’ora, e mo’ amare assaje,
tanto ca ‘e tutte ‘e ccose me scurdaje
e dint’ ‘e vvene ‘o sango è ‘ntussecato.

Negra mene! Jastemmarria ‘o juorno
ca ‘e vierze vuoste sentette cantà,
e ‘o core mio chesto nun ‘o ppo’ ffà,
lle pare ‘e jastemmà ‘o Pataterno.
Pe’ vuje primmo ‘e subbeto sciurette,
e pure sape ca nun ve po’ guardà:
‘a sdamma cchiù bbella, Donna Puvertà,
dint’a ‘o lietto ‘e sposa ve stregnette.

Nun penzate malamente, pe’ pietà!
Cheste nun so’ parole ‘e gelusia:
chella ca chiammate Segnora mia,
sola dint’ a ‘o munno ve po’ mmeretà.
Si nun tenevate nisciuna ‘a servì,
pure si fuste annanz’ ‘a mana mia,
v’’o ggiuro, Ser Guittò, accussì sia,
primma ‘e ve tuccà priarría ‘e murì.

Tanto cchiù auto vuje site a me
ca l’agguila, ca vede ‘o sole ‘nfaccia;
e i’ songo ‘a maruzza ca d’ ‘e vvrecce
ve guarda, e ‘o sole lle pare ‘e vedè.
E ‘sto core me dice: “Statte accorta!
Tiene mente a chella ca, i’ ‘o ssaccio,
pe’ fforza vulette vedè ‘a faccia
‘e Giove, e d’‘a luce cadette morta!”

Ah, si sta terra ve chiammasse Santo!
Ve putarría prià a tutte ll’ore,
e si ve desse int’‘e mmane stu core,
‘e ve nchiaccà nun tenarría schianto.
Ma ‘a Segnora vosta accussì non vo’:
essa vo’ c’ aggia murì ‘e dulore
pecché cu’‘o sacrificio mio d’ammore
ve vulisse fa’ cchiù bbello ancora ‘e mo’.

E tanno, ammènne, dico pur’io:
l’ammore mio dint’‘o core ‘nzerro,
e chesta croce, ca a me m’ atterra,
a vuje adda purtà ‘nzino a Ddio.
Nun ve cerco niente, manco ‘e ve parlà,
pure si co’ st’arma haggia fa’ ‘a guerra:
sempe ve po’ cadè nu grano ‘nterra,
autro nun addimanno ca d’‘o piglià.

‘O nomme nun l’aggiate maje sapé
‘e chesta Amalfitana puverella
ca mo’ ve canta sti quatto verzulle
e ‘nziemme a ‘e ‘llareme nun s’’e po’ tenè.
I’ a Donna Puvertà ‘e metto ‘nzino:
essa adda ricamà ‘na vesta bbella
ca cchiù lucente v’adda fa’ d’ ‘a stella
ca purtaje ‘e Magge ‘a Ggiesù Bbambino.

Traduzione

Non ho detto nemmeno addio a Ser Limone
che fu l’amore dei giochi miei:
bimba lo sognai anche di notte,
ora non mi fa nemmeno compassione.
Perché io altri frutti ho mangiato,
dolci per un’ora, e oggi così amari,
tanto che ogni cosa ho dimenticato
e nelle vene il sangue è avvelenato.

Misera me! Dovrei maledire il giorno
che sentii cantare i vostri versi,
e il mio cuore questo non lo può fare,
gli sembra di maledire Dio.
Per voi fiorì subito, per la prima volta,
e pure sa che non vi può guardare:
la dama più bella, Donna Povertà,
nel letto nuziale vi ha stretto a sé.

Non pensate male, per pietà!
Queste non son parole di gelosia:
colei che chiamate Signora mia,
sola al mondo vi può meritare.
Se non aveste avuto nessuna da servire,
se anche foste alla portata della mia mano,
ve lo giuro, Ser Guittone, così sia,
prima di toccarvi pregherei di morire.

Tanto più in alto voi siete da me
dell’aquila, che vede il sole in faccia;
e io son la lumachina che dagli scogli
vi guarda, e il sole le par di vedere.
E il cuore mi dice: “Sta’ in guardia!
Rammentati di colei che, io lo so,
volle per forza vedere in volto
Giove, e per lo splendore cadde morta!”

Ah, se questa terra vi chiamasse Santo!
Vi potrei pregare a tutte l’ore,
e se anche vi dessi nelle mani il mio cuore
d’insozzarvi non avrei paura.
Ma la vostra Signora così non vuole:
lei vuol ch’io debba morir di dolore
perché con il sacrificio mio d’amore
vi vorrebbe fare più bello ancora di adesso.

E dunque, amen, dico anch’io:
l’amore mio nel cuore chiudo a chiave,
e questa croce, che a me atterra,
a voi deve portare fino a Dio.
Non vi chiedo niente, nemmeno di parlarvi,
pur se all’anima mia devo muover guerra:
sempre vi può cadere una briciola in terra,
altro non domando che di prenderla
.

Il nome non lo dovrete mai sapere
di questa poverina Amalfitana
che ora vi canta questi pochi versucci
e insieme alle lacrime non li può trattenere.
Io nel grembo li pongo di Donna Povertà:
lei deve ricamare una veste bella
che più splendente deve farvi della stella
che portò i Magi a Gesù Bambino.

Poesia pubblicata anche in: http://www.aphorism.it/federica_garofalo/poesie/canzone_di_marotta_amalfitana_per_fra_guittone_d/

Annunci

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e ora collaboro con il giornale on-line "Citizen Salerno" e con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e sono membro di varie associazioni culturali tra cui la "Veritatis Splendor" e la "Felix".
Questa voce è stata pubblicata in Messaggi personali racconti & poesie. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Canzone di Marotta Amalfitana per fra Guittone d’Arezzo

  1. Salvatore ha detto:

    Un inno d’amore dell’uccello emblema dell’amata
    e dell’innamorata, una marotta, una pica, una cola,
    un canto del desiderio represso nel sogno,
    come invoca il poeta antico:
    -E tu da dinto subeto chiamasse,
    Viene, marotta mia, deh viene Cola!-
    un canto di repressa passione carnale,
    ammantata da veli sacri,
    che traspare dal calore del letto, da altra condiviso,
    in un rovello di mente e cuore
    per rasserenarsi nell’estasi della religione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...