Adrion cerca Nezia… una storia d’amore.

Due anime fatte l’una per l’altra, e che si cercano eternamente senza riuscire a trovarsi mai, s’incarnano in corpi diversi, in ere diverse, in vite diverse, ma sentono il reciproco richiamo.
E’ una formula che funziona sempre, in narrativa, ma che Aurora Prestini, giornalista di origine lombarda, usa addirittura per scrivere la storia di una città, la sua, Venezia. Una parte della quale è questo struggente romanzo, Adrion cerca Nezia…una storia d’amore (Gruppo Albatros Il Filo, 2008)
Ed è la Venezia bizantina della prima metà del XII secolo, la Venezia che partecipa alle Crociate e che subisce l’influenza dell’Oriente greco e musulmano, lo sfondo per l’avventura di Astarte, schiava di origine musulmana inviata dalla sua padrona via dalla Gerusalemme assediata dai Cristiani: suo compito sarà ricreare in terra cristiana il Giardino delle Delizie, pieno di frutti capaci di dare la vita, ma anche la morte. Come in una fiaba delle Mille e una Notte, in realtà la bambina ignora chi sta portando davvero con sé: un “genio del giardino”, la Regina dell’Ibisco Nero, che dovrà sguinzagliare contro i Cristiani per vendicare la conquista di Gerusalemme. Doveva essere una pedina e null’altro, la piccola Astarte, il “cavallo di Troia” che avrebbe portato in una qualsiasi famiglia cristiana la vendetta dell’Islam. Fatima non poteva sapere che gli “infedeli” non avrebbero visto una “cosa” in quell’esserino, ma una creatura; una creatura da allevare, da educare, una creatura da amare.
Un altro sarà il compito che aspetta Astarte. Il suo nome è Nezia, figlia del mercante che l’accoglie e sorella di Marcello, che diverrà suo marito. Non è una ragazza come le altre. Bambina e donna allo stesso tempo, sembra nascondere un segreto, un segreto celato dietro la sua nascita. Ribelle a qualsiasi proposta di matrimonio, per una sola ragione, apparentemente senza senso: “Io sono innamorata del mare”.
Astarte non lo può sapere, ma questo amore è più antico della nascita stessa di Nezia. Perché è Nezia ad esser più antica ancora della sua nascita, e così Adrion, il suo amato, il quale altri non è che lo spirito del Mare Adriatico. Un amore che è nato con Venezia, città consacrata a Venere, come Nezia, consacrata alla dea fin dal grembo materno. Consacrata al tragico amore per uno spirito, lo Spirito del Mare.

Aricolo pubblicato anche in “La Fenice”, anno XIV, n.6, novembre-dicembre 2011, p.31:  http://www.lafenice-mt.it/rivista-6-11/pagina31.html

Annunci

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e ora collaboro con il giornale on-line "Citizen Salerno" e con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e sono membro di varie associazioni culturali tra cui la "Veritatis Splendor" e la "Felix".
Questa voce è stata pubblicata in Romanzi storici. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...