Salerno: Sant’Andrea de Lavina, tra problemi e impegno

Salerno, S. Andrea de Lavina – Facciata e campanile romanico.

Chi la dura la vince, dice il proverbio. Ma il gioco vale la candela?
Per richiedere la riapertura al culto della chiesa di Sant’Andrea de Lavina si era creato un comitato che, in occasione dell’ultima edizione di Salerno Porte Aperte aveva portato delle panche al suo interno in segno di protesta.
Ora la chiesa è effettivamente tornata luogo di culto, in sostituzione alla chiesa dell’Annunziata, chiusa per lavori.
Il fatto sarebbe positivo se implicasse che Sant’Andrea, in quanto chiesa a tutti gli effetti, divenga aperta al pubblico. Tanto più che si tratta di una delle chiese più antiche della città.
Risale al IX secolo, ed era allora conosciuta come Sant’Andrea della Lama, dal nome del torrente che vi scorreva sotto; venne fondata dai prigionieri che il principe Sicardo aveva deportato a Salerno in seguito alla sua vittoria su Amalfi nell’838. Conserva al suo interno degli affreschi trecenteschi e, 6 metri al di sotto del livello del pavimento, sono visibili i resti di un edificio di età romana e della prima chiesa di IX secolo, poi trasformata in cimitero: gli scheletri sono ancora lì, perché gli scavi archeologici sono rimasti in sospeso.

Salerno, S. Andrea de Lavina – Palinsesto di affreschi (strato superiore XIV secolo)

Il punto è che a Sant’Andrea mancano perfino l’acqua e la corrente elettrica, dunque, attualmente, la chiesa è completamente chiusa. Ad occuparsene è don Carmine Grieco, che si divide tra tutte o quasi le chiese del Centro storico, quelle della parte più antica come Santa Rita, San Crispino e Crispiniano, Santa Maria de Lama.
«Prima che fosse restaurata, almeno la parte superiore, era in mano a una ditta che la utilizzava come deposito» spiega don Carmine. «Così com’è non si può nemmeno celebrare messa, perché manca perfino l’altare».
«Il nuovo arcivescovo Moretti vuole riaprire al culto tutte le chiese ora chiuse,» specifica Velia Tancredi, presidente dell’associazione Il Centro Storico, che in precedenza aveva dal Comune la gestione di Sant’Andrea. «Il guaio è che i sacerdoti sono pochi, e non possono certo occuparsi di tutte le chiese del Centro Storico, tantomeno garantirne la fruizione da parte del pubblico. Alcuni dipinti barocchi di Sant’Andrea sono stati trafugati, come quelli di San Salvatore de Drapparia e di San Sebastiano del Monte dei Morti, e ora sono andati perduti.»
Per fortuna, questa situazione sembra solo provvisoria. Don Carmine si occupa di tutte queste chiese solo provvisoriamente, per mettere un po’ d’ordine nei conti. E assicura che non verrà trascurato nemmeno l’aspetto legato ai beni culturali.
«Stiamo lavorando per mettere in piedi un’associazione di volontariato che di occupi di tutte le chiese del centro storico, certo per inserirle nel tessuto dei quartieri, ma anche per garantirne la fruizione in quanto gioielli dell’arte di casa nostra».
Dunque è solo questione di tempo? Solo il tempo lo dirà.

da http://www.radiocrc.com

Advertisements

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e ora collaboro con il giornale on-line "Citizen Salerno" e con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e sono membro di varie associazioni culturali tra cui la "Veritatis Splendor" e la "Felix".
Questa voce è stata pubblicata in Arte, Itinerari. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Salerno: Sant’Andrea de Lavina, tra problemi e impegno

  1. angela maria sapere ha detto:

    la Chiesa è stata riaperta la domenica don salvatore celebra una bellissima messa ……

    • mercuriade ha detto:

      Mi fa piacere che il tempo abbia detto che fosse effettivamente solo una questione di tempo, e che le cose siano migliorate da quel settembre di 2 anni fa quando scrissi l’articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...