L’insostenibile leggerezza di un racconto

Come ci si sente ad aver scritto un racconto?
Per una che è abituata a scrivere per far finta di essere qualcun’altra da quando sa tenere in mano la penna, la domanda può sembrare perfino ridicola.
Ma, poi, quando mi chiedono “Come ci si sente ad aver scritto un racconto?”, c’è sempre sottinteso “che ha vinto un primo premio”.
Ebbene, la risposta non la so nemmeno io. A tutto ero preparata fuorché a questo.
Pensi: “chissà quanto dovrai ancora leggere per arrivare a scrivere una pagina decente”, e ti ritrovi vincitrice dell’VIII edizione del premio “Il racconto nel cassetto”, con il tuo racconto sul punto di essere pubblicato, e hai così l’imperdibile occasione di aprire gli occhi e i cuori di una piccola porzione di umanità con un titolo, “Il Tamburo delle Sirene”, ambientato nel mio secolo preferito, il XIII, che parla di uomo e donna, della grandezza del pensiero umano, così grande perché proviene da una Fonte.
Puoi dire loro che i maschi non sono nati solo per opprimere e le femmine per vendicarsi, ma che entrambi sono stati messi sulla terra per amarsi e per amare Chi li ha portati quaggiù. Che né Adamo né Eva sono stati creati per essere lasciati al loro destino, ma che ognuno è parte di un mosaico che è l’opera d’arte più bella mai esistita nell’universo.
Vorrei dunque ringraziare chi mi dà ora questa possibilità; compresi gli altri sei finalisti premiati insieme a me, soprattutto gli scrittori di fiabe, Alessandro Testa e Francesca Rizzuto. I sogni sono la cosa più bella che ci sia, e tornare bambini è la cosa più difficile del mondo!

Annunci

Informazioni su Mercuriade

Buongiorno a tutti! Sono un'aspirante paleografa con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie. Amo la lettura, la buona musica, la poesia, la filosofia, l'arte, il cinema: in breve, qualunque espressione del buono, del bello e del vero. Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", pubblicato dalla Centoautori in "Il Tamburo delle Sirene e altri racconti" (2012). Ho collaborato con il sito di Radio CRC e ora collaboro con il giornale on-line "Citizen Salerno" e con la rivista on-line "Rievocare". Faccio parte del gruppo di living history "Gens Langobardorum" e sono membro di varie associazioni culturali tra cui la "Veritatis Splendor" e la "Felix".
Questa voce è stata pubblicata in Messaggi personali racconti & poesie. Contrassegna il permalink.

3 risposte a L’insostenibile leggerezza di un racconto

  1. Madonna Eloisa ha detto:

    A volte lasciar liberi i nostri talenti di esprimersi, porta a conseguenze inaspettate.
    A volte lasciar fluire i nostri pensieri fuori da noi, porta a gioie inaspettate.
    A volte i sogni si avverano e la gioia riempie la nostra mente e il nostro cuore.
    Rinnovo anche qui i miei complimenti per il tuo successo.
    Continua così Federica!

  2. Alessandro ha detto:

    Ciao Federica

    Come ti ho già scritto in mail privata, il tuo racconto mi è piaciuto veramente tanto! Scritto molto bene e non noioso come temevo, essendo poco appassionato del genere medioevo. Lo consiglio!! Attendo la pubblicazione!

    In bocca al lupo per tutto!

    p.s. Grazie per la menzione a fondo post!

    • mercuriade ha detto:

      Grazie a te, Alessandro! Menzione pienamente meritata: credimi, scrivere un racconto filosofico è cinque volte meno difficile che scrivere una fiaba. La fiaba ti costringe alla semplicità, ti denuda di tanti orpelli tipici di noi adulti, ti mette con le spalle al muro, ti riporta all’essenziale. Tu sei uno dei pochi adulti che ne è capace. Continua a scrivere, mi raccomando! Tanti altri bambini avranno bisogno di te!
      E grazie anche a te, Donna Eloisa; grazie per il tuo rendere il passato così vivo, reale, palpabile; se sono riuscita a concretizzare questa storia (almeno su carta) è anche merito tuo!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...